1496 Appunti di storia (vivente)

Quanta sia la ruina

Q
Un breve brano composto da M. Paolo Giovio il giovane a coronamento del paragrafo riguardante Ludovico Maria Sforza in Biografie dei Condottieri, testo conservato presso la Biblioteca Trivulziana del Castello Sforzesco di Milano.

Quanta sia la ruina
d’una altissima torre,
la quale al ciel poggiando s’avvicina
se’l folgor, che Vulcano a Giove affina
la viene in terra a porre:
Così spesso coloro
ch’ambizione ingorda
d’acquistar regno ha coronati d’oro
caggion senza speranz di ristoro,
che’l ciel di lor si scorda.
Che ti giovò il consiglio?
Che ti valser gl’inganni,
ond’eri armato contra ogni periglio?
Felice se facevi il suol vermiglio
essendo fuori d’affani.
Che non saresti morto
misero in tal duolo
quando privo d’imperio e di conforto
prigion morissi in Francia, havendo a torto
voluto regnar solo.
Tu com’empio nemico
et non come tutore
togliesti a tuo nipote il regno antico
credendo sempre d’aver il cielo amico
che punì tanto errore.

Riguardo l'autore

Gabriele Omodeo Vanone
Gabriele Omodeo Vanone

Software Engineer prestato alla ricostruzione e alla ricerca storica. Appassionato di XV secolo milanese, fondatore di 1496, membro della Compagnia d'arme del Carro di Solza

Commenta

1496 Appunti di storia (vivente)
1496 è un taccuino di appunti sulla storia e sulle potenzialità della ricostruzione storica e sul XV secolo italiano.
Hai già visitato il nostro Archivio?

Argomenti

Su questo sito internet sono utilizzati strumenti proprietari o di terze parti che archiviano piccoli files (cookies) sul tuo dispositivo. I Cookies sono comunemente impiegati sia per il corretto funzionamento di un sito internet (cookie tecnico), per generare statistiche di utilizzo (cookie statistici) e per migliorare le proposte pubblicitarie (cookie di profilazione). L’utilizzo dei cookies tecnici è libero, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno cookies statistici e di profilazione.