1496 Appunti di storia (vivente)

CategoriaRicerche

Ricerche monotematiche approfondite su aspetti particolari, generalmente riguardo la storia del XV secolo italiano. Gli articoli in questa categoria sono orientati verso una applicazione pratica dei contenti e dispongono di un’ampia bibliografia.

Misurare a Milano

M

In questo articolo mi occupo di ricostruire l’evoluzione dell’uso delle unità di misura nella città di Milano. Osservando i testi medievali ed altri più moderni, prima dell’introduzione del Sistema Internazionale, ciascuna grande città possedeva una sua peculiare costellazione di unità con le quali stimare l’ammontare di una certa quantità.

(altro…)

Imprese Sforzesche

I

Dell’epoca visconteo-sforzesca e, in generale, del tardo medioevo italiano, le imprese sono rappresentative di uno stile tutto italiano. Ciascuna ha una sua storia e nasconde un significato preciso a seconda del contesto, ma scoprirlo può essere difficile.

(altro…)

Anatomia di una Impresa

A

Le imprese sono immagini archetipi parlanti o metaforiche accompagnate da un motto. Ciascuna vuole essere memoria di un fatto accaduto, diventando al contempo mezzo di propaganda, segnale e testimonianza del potere ducale. Le imprese non sono un fenomeno circoscritto al ducato di Milano, ma io mi limito nell’analisi a quelle delle famiglie Visconti e Sforza.

(altro…)

Quelle unità di misura…

Q

L’unificazione delle unità di misura nel mondo avviene gradualmente con la necessità di creare riferimenti sicuri e standardizzati e con la possibilità di spostarsi più facilmente, più velocemente e più lontano. Il Sistema Internazionale (SI) viene formalizzato nel 1899 e, da allora, subisce costantemente cambiamenti, anche di grande entità. A dispetto della sua intrinseca imperfezione, il Sistema Internazionale si dimostra efficace e ci permette di andare al supermercato e comprare viti e lampadine basandoci su dei numeretti, con la certezza che quelle entreranno perfettamente nel nostro nuovo lampadario.

Quando mi trovo a leggere di bolle o testimonianze antiche, spesso faccio fatica a convertire le lunghezze ed i pesi in unità che sono in grado di manipolare. Questa ricerca nasce dalla necessità di ottenere riferimenti precisi e puntuali per la conversione delle unità di misura antiche in unità del SI. Il campo di ricerca è vasto e il mio metodo si basa su una doppia chiave di lettura: da una parte si procede a ritroso, partendo dai riferimenti riguardanti le unità di misura in uso in Italia prima dell’unificazione del SI, usando il Manuale dell’Ingegnere Civile ed Industriale come riferimento; dall’altra, si parte dalle misure riportate nei testi antecedenti l’unificazione, cercando di arrivare ad un punto di contatto e lavorando per compartimenti temporali.

Questa ricerca ha dei limiti e non si può dire completa.

D’altra parte le misure campione, di cui in Occidente si sono conservate migliaia di esemplare al tempo della loro sostituzione col sistema metrico, erano più o meno ben imitate entro i limiti territoriali della loro applicazione e più o meno ben impiegate da quelli che le utilizzavano; di qui una mancanza di precisione del tutto abituale nella misurazione dello spazio. Si parla di botti di vino, di sacchi di grano o di lana che si sommano, anche se il peso e il contenuto di ogni botte, di ogni sacco sono molto diversi. Inoltre, per esempio, la stessa misura di capacità può essere utilizzata “rasa” o “colma”, e questo è un altro importante elemento di approssimazione. Infine, secondo la materia e il modo in cui si presenta, la medesima unità può misurare quantità molto diverse senza provocare il minimo senso di apparente imbarazzo in colui che la utilizza. […] Il moggio di vino “su feccia” è lontano dall’essere equivalente, nella stessa città, al moggio di vino senza deposito, e non ha nessun rapporto con i moggi precedenti [altri moggi citati n.d.a.][1]

Per questo motivo, la ricerca è organizzata per capitoli a seconda delle differenze geografiche.

Indice dei capitoli

In ordine cronologico di pubblicazione:

Bibliografia

  • Delort, Robert. 1997. La vita quotidiana nel medioevo. ed. Laterza. ISBN 978-88-420-5268-5

  1. Delort, Robert. 1997. La vita quotidiana nel medioevo. ed. Laterza. ISBN 978-88-420-5268-5 

1496 Appunti di storia (vivente)
1496 è un taccuino di appunti sulla storia e sulle potenzialità della ricostruzione storica e sul XV secolo italiano.
Hai già visitato il nostro Archivio?

Argomenti

Su questo sito internet sono utilizzati strumenti proprietari o di terze parti che archiviano piccoli files (cookies) sul tuo dispositivo. I Cookies sono comunemente impiegati sia per il corretto funzionamento di un sito internet (cookie tecnico), per generare statistiche di utilizzo (cookie statistici) e per migliorare le proposte pubblicitarie (cookie di profilazione). L’utilizzo dei cookies tecnici è libero, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno cookies statistici e di profilazione.